Mercato delle pulci Saint Ouen

Mercato delle pulci Saint Ouen

Alle porte di Parigi, il mercato delle pulci di Saint Ouen costituisce la più importante concentrazione di oggetti d'antiquariato del mondo. Accanto ai negozi di antiquariato, negozi di abbigliamento e di oggettistica si insinuano tra le bancherelle.

Un Po' Di Storia

Alla fine del 19° secolo, dei ladri e dei poco di buono serpeggiavano le vie di Parigi per riunire il loro bottino. Esasperata, la municipalità di Parigi decise di risolvere il problema e di espellere gli "indesiderabili" fuori dalla capitale. I ladri scelsero allora di costruire i loro quartieri a nord di Parigi, tra i muri della capitale ed il villaggio di Santo-Ouen. L'accampamento si ingrandi e si trasformo poco a poco. I "guinguettes", tipici cabaret della periferia parigina, aprirono le loro porte ospitando numerosi Parigini e curiosi della domenica che amavano bighellonare e bere un bicchiere in questi bar. Tra il 1905 e 1914, la stampa si interesso' a questi luoghi contribuendo largamente a farli conoscere per tutta la capitale. In questo modo alcuni negozi iniziarono ad aprire dando inizio ad un vero e proprio commercio. Fu cosi che nacque il mercato delle pulci.

Vent' anni dopo, all'indomani della Prima Guerra Mondiale, i negozi si installarono definitivamente e i mercati Biron, Vernaison, Malik, Vallès furono aperti. La musica afroamericana importata d' oltre Atlantico arriva alle porte di Parigi grazie agli zingari che suonano la chitarra nei mercati. Da allora, il jazz manouche resterà legato profondamente all'identità delle Pulci.

La seconda metà del ventesimo secolo vede i rigattieri e antiquari sostituire i vecchi rottamai e ladruncoli che si erano impossessati dei luoghi all'inizio del secolo. Dei nuovi mercati vennero aperti, ciascuno con la sua specificità: oggetti di antiquariato di alta classe ai ninnoli polverosi. I Parigini amano l'ambiente popolare che regna al mercato delle Pulci, con i loro piccoli caffè, i loro ristoranti, i loro venditori di vestiti vintage e libri vecchi, i loro giochi e "guinguettes" popolari.

Le Pulci Di Oggi

Il mercato delle pulci di Saint Ouen è diventato una delle destinazioni più scelte dai turisti. Si registra circa un milione di visitatori per anno che percorrono le viuzze e una quindicina di mercati nel quartiere delle Pulci. I mercati si terranno ogni sabato, domenica e lunedì, durante tutto l'anno. Ciascuno viene per scovare l'oggetto insolito dei suoi sogni egodersi dell'ambiente retro del luogo. I sette ettari, quindici mercati e 2000 negozi delle Pulci del Saint Ouen non hanno finito di attirare i curiosi venuti del mondo intero. I grandi collezionisti troveranno soddisfazione tra le bancherelle degli antiquari, gli innamorati delle passeggiate improvvisate saranno incantati dall'atmosfera che vi si respira.

Quando compri, non esitare a mercanteggiare: ciò fa parte del gioco e dell'anima del mercato delle Pulci. Infine, puoi mangiare sul posto nelle roulotte o gargotes dove la fisarmonica accompagnerà il tuopasto. Tra esse, "Il Boccale delle Pulci" è un piccolo caffè ristorante che ha saputo farsi un nome col passare degli anni organizzando dei concerti popolari molto apprezzati dei passeggiatori. fatti trascinare e canta!

Scopri Parigi